giovedì 11 marzo 2010

Alexander McQueen's Last Collection


Alexander McQueen torna gloriosamente a vivere nella sua ultima collezione, svelata a un gruppo ristretto di persone (una manciata di fashion editors e Robert Polet, presidente di Gucci) durante la Settimana della Moda nella capitale francese. Una collezione spettacolare, che lascia senza fiato e con molta amarezza appena quattro settimane dopo la scomparsa del designer, che ha realizzato personalmente ogni singolo pezzo presentato. McQueen sapeva mescolare sapientemente modernità, storia e tecnica per realizzare ogni volta qualcosa di estremamente unico; e se l'ultima collezione a cui ha preso parte egli stesso, nell'ottobre 2009, guardava al futuro (ricordiamo le Armadillo Shoes rese celebri da Lady Gaga), questa invece è ispirata all'arte religiosa del XV secolo, con evidenti richiami a Botticelli, ai vellutati cherubini e alle Madonne di Foquet e al "Giardino delle Delizie" di Hieronymus Bosch.

Volumi drappeggiati, leggeri come aria, abiti sciancrati, corti o lunghi fino al pavimento, che sembrano le tuniche delle Madonne medievali, sapientemente lavorati a balze e fasce, corpetti cremisi che sembrano scolpiti su misura fanno capolino sotto mantelle e giacche, tra cui quella ricoperta di laccate piume dorate; ovunque, richiami ad ali e ad angeli, sulle stampe e scolpiti persino sui tacchi di scarpe su cui si aggrovigliano fasci di edera e ghiande e che richiamano la maestria di Grinling Gibbons nella scultura. "Each piece is unique, as was he."


Questa era l'ultima collezione curata personalmente da Alexander McQueen, ma non sarà l'ultima a portare il suo nome: "We believe in the future of the brand" ha infatti annunciato Polet, anche se non è stato reso noto chi sostituirà lo stilista. Sono stati fatti i nomi di Gareth Pugh, giovane designer inglese, e di Sarah Burton, mano destra del designer, ma per ora nessuna conferma.
Senza dubbio un trionfo, questa collezione, che tuttavia serve anche a ricordare al mondo della moda quanto ha effettivamente perso con la scomparsa di Alexander McQueen.

3 commenti:

  1. stupenda,non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  2. wow, such magnificent clothes
    *Nathalie

    RispondiElimina
  3. Alexander McQueen era veramente unico,che grande perdita...

    RispondiElimina