lunedì 1 marzo 2010

From Milan/3 - Miscellaneous

Una dopo l'altra, le grandi passerelle si sono passate il testimone e la Settimana della Moda milanese sta per giungere al termine. Confrontando le diverse proposte, la donna protagonista del prossimo Autunno-Inverno è ovunque caratterizzata da un forte impatto visivo: ribelle, sovversiva, indipendente, aggressiva, o delicata, sognatrice e viaggiatrice, ma sempre sofisticata. Capi in pelle, dettagli di pizzo, forti cromie, fantasie regolari, etniche, drappeggi, ruches, ma anche toni neutri, retro, minimalisti e senza eccessi. In attesa di cedere lo scettro a Parigi, ecco una miscellanea generale:
DSQUARED2
FENDI

MARNI
ALBINO
FENDI
GUCCI

MISSONI
MOSCHINO CHEAP & CHIC

6 commenti:

  1. I love especially Albino's collection and the last picture!

    RispondiElimina
  2. Mi piace tantissimo questa collezione di Fendi, sopratutto gli abiti neri (scuzi il mio italiano che non è perfetto!). Fendi è (grazie mille) quasi il solo a non avere tanto utilizatto il cachi. E è benissime ! Baci.

    RispondiElimina
  3. Beautiful collections!!!

    If you want visit my blog barbielaura.com and follow me on bloglovin...

    RispondiElimina
  4. approvo e condivido anch'io la scelta di thelma!

    passa dal mio blog:
    fashionuance.blogspot.com

    RispondiElimina
  5. per la mia indole dandistica, mi piace molto l'estetica della femme fatale di Dsquared2. non è casuale che siano stati usati due colori ben precisi, rosso e nero, direttamente presi in prestito dall'estetica decadente fetish. L'uso di corsetti e accessori aderentissimi, sottolineano in maniera radicale le forme di una donna dominante e sicura di sè; di certo la portabilità dei capi e materiali specifici (pelle, latex) è tutto tranne che facile e all'occhio non preparato delle più questo look esteriore potrebbe sicuramente risultare volgare. in generale poi apprezzo davvero la scelta delle nuove collezioni che hai proposto su queste pagine, concordo pienamente anche sul valore assoluto della collezione di Albino; per i miei gusti forse la mano di Frida è quella che mi piace meno, la trovo ultimamente un pò troppo attaccata a certi dettagli di mercato imposti dal brand, a scapito della sua visione. Poi diciamo che io da sostenitore storico di Tom Ford preferivo le sue linee e quindi forse il giudizio, almeno per Gucci, è un pò condizionato. Un forte abbraccio e trascorri una buona domenica! Gabri.

    RispondiElimina