sabato 3 aprile 2010

Non siamo complici di un massacro!

Approfitto del mio blog per lanciare un appello, in occasione della Pasqua. Ogni anno è una strage degli innocenti, migliaia di agnelli vengono sacrificati crudelmente in nome di una tradizione senza senso. Se Pasqua è la festa della rinascita e della resurrezione, perchè massacrare senza pietà gli agnelli? Chi si appiglia alla religione come scusa, viene smentito dallo stesso Papa Benedetto XVI, che ha ricordato che Gesù non ha mangiato l'agnello nell'ultima cena e che non seguì la tradizione della Pasqua ebraica, ma quella della Pasqua degli Esseni, che erano vegetariani. Le alternative vegetariane ci sono,e sono infinite!
Buona Pasqua a tutti!!!

6 commenti:

  1. Concordo pienamente.
    Io preparerò per la famiglia un mix espolisivo di verdure, dalle carotine ai broccoli.. cibo già sperimentato in passato che ha avuto molto successo. E in più un rotolo con ripieno di verdure.
    Seguo il tuo blog da poco, ma mi piace com'è impostato, quindi colgo l'occasione per complimentarmi. Inoltre, la cosa che più mi è piaciuta (oltre ai vari posts) e la tua presentazione. Mi sembri una ragazza in gamba :) ma certo, non ti conosco, e non mi piace pre-giudicare.
    Buona pasqua!

    RispondiElimina
  2. Le alternative che permettono di non rinunciare a un menù da festa senza avere sulla coscienza nessuna vita sono davvero tante,ma bisogna conoscerle. Su internet ho trovato questo sito per esempio:http://ricette.cambiamenu.it/menu-consigliato/2010/03/menu-di-pasqua; io è da diversi anni che non consumo più l'agnello il giorno di Pasqua e sinceramente non mi manca niente!
    Ti ringrazio per i complimenti,mi fa piacere che il mio blog ti piaccia e spero di confermare le tue sensazioni :)
    tanti auguri di buona Pasqua!!

    RispondiElimina
  3. Buona Pasqua amica mia, spero tu abbia trascorso una bella giornata! :) sono completamente vegetariano, quindi è per me un piacere sostenere la tua splendida iniziativa! avevo pochi anni quando vidi sgomento con i miei piccoli occhietti l'ignobile fine che fanno i nostri amici, la sofferenza, le urla di animali che in realtà sembrano bambini. tantè che in America agnellino si traduce con "kid". e quel lontano giorno mi avevano promesso di giocare con l'agnellino, pensa la gioia che avevo dentro, e mai mi sarei aspettato di vederlo morire per poi essere mangiato i giorni della festa.

    RispondiElimina
  4. Buona Pasqua anche a te Gabri! Non sapevo che fossi vegetariano, ma ti ammiro! Dev'essere stata terribile l'esperienza che mi hai descritto...Io solo per la visita al mattatoio non ho preso veterinaria all'università!Non l'avrei sopportato...Ci vorrebbe più informazione a riguardo, ma purtroppo è comodo fare finta di niente e non sapere tutto ciò che c'è dietro il pezzo di carne servito a tavola...e i discorsi alla fine sono sempre gli stessi.Si tratta di una scelta etica e di coscienza personale..!

    RispondiElimina